MISSION

La missione

Il nostro desiderio più grande era e rimane perpetrare la magia del vetro, con le sfide che essa comporta. Creare bellezza, stupore, sensazione con lavorazioni mai viste o antiche tecniche riscoperte: questa ricerca caratterizza il nostro lavoro come artigiani, e arricchisce di senso il nostro cammino come persone.

Continuiamo a crescere e imparare, mettendo alla prova noi stessi e le persone che lavorano con noi, entusiasti del fatto che ogni successo raggiunto non è un punto d'arrivo. Il patrimonio di conoscenze che ci hanno portato a eccellere vengono dal passato, ma vivono nel presente grazie a un lavoro continuo di sperimentazione e rivisitazione, per ricongiungere un'arte antica con le possibilità e le sfide della tecnologia e del gusto di oggi.

Da questa ricerca abbiamo acquisito capacità uniche, da cui nascono opere talvolta rivoluzionarie, e soprattutto che ci permettono di accettare i progetti più difficile e complessi a livello internazionale.

I lavori di Benvenuto, oggi si distinguono per la capacità di coniugare la necessità di alta qualità e utilità con il piacere, semplicemente, della bellezza. Dai musei agli hotel internazionali, fino alle boutique più prestigiose, Benvenuto esporta le proprie opere in tutto il mondo, raccogliendo un successo sempre crescente.

La Storia

La storia di un'impresa è sempre una storia di persone: se quella ufficiale del marchio inizia negli anni Sessanta, il cammino personale dei Benvenuto risale fino ai clamori della Seconda Guerra Mondiale. In quegli anni di strette necessità, il giovane Walter Benvenuto trova l'opportunità di un lavoro in una modesta bottega vetraria di Treviso. Un'occasione forse non prevista, ma che a distanza di tempo è difficile considerare una coincidenza: da allora, il nome Benvenuto e la parola vetro diventano l'una decoro dell'altro, fuse in modo indissolubile. Perché il vetro - vivo, primitivo, malleabile, affascinante - nelle mani giuste smette di essere un materiale inerte e diventa forma e colore inattesi, persino opera d'arte, amalgamandosi con la vita di chi lo lavora fino a segnarne il destino. 

Le origini dell'azienda nel dopoguerra

Finita la guerra, Walter è alla Maffioli a Venezia, una grande azienda specializzata nella decorazione del vetro, l'arte antica di rendere specchi e vetri piani, creando oggetti d'immensa bellezza. Mentre impara le raffinate tecniche decorative, il Paese intorno inizia a cambiare: un vento di possibilità percorre il Nordest italiano del dopoguerra e Walter sente di potersi evolvere per mettere frutto le sue esperienze. Nasce così nel 1966 La Posa Vetro Rapida, che si specializza nel montaggio dei vetri per nuovi edifici, e in pochi anni, sull'onda del boom edilizio, l'azienda fiorisce e si afferma. Nella nuova bottega, fra i banchi degli artigiani, si aggira curioso anche un altro componente della famiglia: il piccolo Vittorio, figlio di Walter, che appena può corre a dare una mano al papà, attratto inconsapevolmente dal richiamo del vetro. E il vetro compie di nuovo la sua magia: nel '75, appena finiti gli studi, il giovane Vittorio vi si dedica interamente. Nell'elemento duttile e creativo che lavora ha trovato una dimensione per il suo bisogno di cercare, sperimentare e innovare. In questa ricerca, che non guarda solo avanti ma anche indietro, Walter diventa la sua risorsa preziosa: custode di conoscenze che stanno andando perdute, il padre è la sua guida nei segreti del mestiere, le tecniche secolari della lavorazione del vetro. Nel frattempo, grazie al genio di designer internazionali, stanno tornando di moda i vetri decorati. Vittorio e Walter sentono di nuovo il profumo dell'opportunità e assaporano la voglia di fare qualcosa di nuovo. Walter rispolvera le esperienze accumulate negli anni da decoratore, e Vittorio approfondisce le tecniche moderne che per ricreare oggi, con nuovi materiali e procedure, metodi di lavoro ormai dimenticati. Il successo è immediato: a Treviso, nasce una mostra permanente delle nuove opere e le richieste arrivano da tutto il mondo. Cambiano le richieste, i clienti e i metodi di lavorazione, e cambia anche il nome: nasce la BENVENUTO mastri vetrai.
Share by: